Il bullismo è, ovviamente, un problema serio che colpisce molte persone, soprattutto i giovani.

La vittima di bullismo spesso si sente isolata e vulnerabile, e questo può avere conseguenze negative sulla salute mentale e sul benessere della persona. Inoltre, le vittime di bullismo possono avere difficoltà a relazionarsi con gli altri e a sviluppare relazioni sane.

Ho affrontato il bullismo con coraggio e determinazione nonostante la mia sindrome di Asperger. Ogni giorno, specie in età scolastica, ho lottato per superare gli ostacoli, ignorare le parole offensive e trovare la forza interiore per credere in me stesso.

Non importa quale sia la tua sfida, puoi affrontarla e crescere.

Sono un sopravvissuto, un combattente, e spero che la mia storia possa ispirare gli altri a non lasciarsi abbattere dal bullismo e a trovare il proprio valore unico.


La relazione tra bullismo e autismo è particolarmente complessa per coloro che hanno la sindrome di Asperger, una forma di autismo ad alto funzionamento, perché possono essere particolarmente vulnerabili.

Questo perché spesso si hanno difficoltà a comprendere le norme sociali e a relazionarsi con gli altri, il che può rendere loro bersaglio di comportamenti aggressivi da parte di coloro che non li comprendono.

Inoltre, le persone autistiche spesso hanno difficoltà ad esprimere i propri sentimenti e a comunicare efficacemente, il che può rendere difficile per loro chiedere aiuto o denunciare il bullismo. Questo può aumentare l'isolamento e la vulnerabilità delle vittime di bullismo nei soggetti autistici.

Per contrastare il bullismo nei confronti delle persone nello spettro autistico, è importante creare un ambiente scolastico e di comunità inclusivo e sicuro.

Gli insegnanti e gli operatori sanitari devono essere formati per riconoscere i segni del bullismo e intervenire tempestivamente per proteggere le vittime.


Inoltre, è importante promuovere la comprensione e l'accettazione dell'autismo nella società. Questo può essere fatto attraverso programmi educativi che sensibilizzano sull'argomento e attraverso campagne di comunicazione che mettono in evidenza le storie e le esperienze delle persone autistiche.

In generale, è importante tenere a mente che le persone autistiche sono individui unici con i loro propri pensieri, emozioni e bisogni. Non bisogna giudicare o trattare le persone nello spettro autistico in modo discriminatorio a causa della loro condizione. Invece, lavorare per creare un ambiente in cui tutti siano accettati e rispettati indipendentemente dalle loro differenze è la strada da percorrere.


La mia esperienza personale con il bullismo e con l'autismo è stata complessa.

Come persona Asperger, ho sempre avuto difficoltà a comprendere le norme sociali e a relazionarmi con gli altri (essere diagnosticato da adulto non ha giovato). A volte, questo mi ha reso bersaglio di comportamenti aggressivi da parte di altri particolarmente da giovane.

Ho subito episodi di bullismo, come essere escluso dai giochi di squadra e venire picchiato.  Mi sono trovato a essere picchiato sistematicamente quando andavo alle scuole medie e poi alle superiori, con segni evidenti sulla pelle del corpo e del viso. In un momento di disperazione, non accorgendomi mi sono tagliato le mani con una risma di carta da tipografo. Non riuscivo a capire perché gli altri mi trattassero in quel modo e non sapevo come fermare il dolore. Anche perché essendo gifted e andando molto bene a scuola vivevo in un mix tra "passaci i compiti!" a "no, tu non vieni e non giochi con noi".


Quando ho capito che il pattern era "se ci fai vincere ti vogliamo" ho utilizzato quell'arma per essere incluso

Anche se ero bravo in molte cose, come la mia grande memoria fotografica e uditiva (altri super poteri autistici li puoi trovare qui: i talenti dell'autismo),  mi hanno escluso da qualsiasi gioco di squadra (quando ho capito che il pattern era "se ci fai vincere ti vogliamo" ho utilizzato quell'arma per essere incluso, anche se sapevo benissimo fosse solo funzionale).

Non riuscivo a capire perché gli altri non volessero giocare con me, nonostante fossi bravo. Questo mi ha fatto sentire molto solo e isolato, ma ha fatto anche leva sul lavorare molto su me stesso e grazie ai miei "doni naturali" sono riuscito ad eccellere nei campi dei miei interessi speciali.


In alcuni momenti ho provato dolore e disperazione, ma ho cercato di trovare supporto e aiuto per superare queste difficoltà.

Mi sono reso conto che non era colpa mia essere vittima di bullismo e ho cercato aiuto per capire e superare queste difficoltà. Ho imparato che è importante trovare persone di supporto e denunciare il bullismo quando si verifica. Oggi, cerco sempre di promuovere l'inclusione e la comprensione verso le persone autistiche nella mia comunità. Ci sono diverse soluzioni per reagire e segnalare atti di bullismo.

Ecco alcune opzioni dal mio Vademecum:

  1. Parla con un adulto di fiducia: lo so che può essere difficile, per me era anche identificarlo. Questo può essere un genitore, un insegnante, un counselor o qualsiasi altra persona in grado di aiutarti. Parlare di ciò che sta accadendo ti aiuterà a elaborare i tuoi sentimenti e a trovare una soluzione.
  2. Denuncia il bullismo: se sei vittima di bullismo, è importante denunciare il comportamento. Questo può essere fatto parlando con un insegnante, un responsabile della scuola o un funzionario delle forze dell'ordine.
  3. Utilizza i social media in modo positivo: se sei vittima di bullismo online, non rispondere alle provocazioni e non rispondere alle minacce. Invece, cerca di utilizzare i social media per trovare supporto e incoraggiamento da parte di amici e familiari. Quando accadde a me i social non esistevano ;( quindi sono passato direttamente al punto 5.
  4. Partecipa a gruppi di supporto: ci sono molti gruppi di supporto che si concentrano sulla prevenzione del bullismo e sull'aiuto alle vittime. Partecipare a questi gruppi può fornire un ambiente sicuro in cui parlare delle tue esperienze e trovare supporto da parte di altre persone che hanno vissuto situazioni simili. Questo per esperienze di persone che conosco ha aiutato molto, però in fase di rielaborazione.
  5. Impara le tecniche di difesa personale: imparare le tecniche di difesa personale può aiutarti a sentirti più sicuro e a difenderti in caso di necessità.

In generale, è importante ricordare che non sei solo e che ci sono molte persone disponibili ad aiutarti. Non vergognarti di chiedere aiuto e di denunciare il bullismo quando si verifica (questo indipendentemente se neurodivergente oppure no).

Condividi questo post